Ravensbrück

Ravensbrück
(In memoria delle donne morte nel lager di Ravensbrück)

1° Strofa
Milioni di donne innocenti derise e umiliate
Senza colpe a parte quella di esser state giudicate
Da un sadico fanatico e da un esercito di vili seguaci,
popolo muto in balia dei propri capi

Il giorno della memoria non è una ricorrenza
Dev’essere sempre presente nella nostra mente
Chi non aveva più nome ma era solo un numero
E prima o poi l’avrebbero cancellato
Dimmi se questa è una donna o un essere inerme
Con un fucile puntato dritto alla testa
Che potrebbe morire in un battito di ciglia
Che non sa dove sia la sua famiglia

RITORNELLO
every day the memories come back for me
and when I sleep the pain is present
but I am what they are and i don’t care
my soul no one can take it
every day the memories come back for me
and when I sleep the pain is present
but I am what they are and i don’t care
my soul no one can take it.

2°Strofa
Mi chiedo se ci sarà per noi un futuro
C’è chi ancora disegna le svastiche sul muro
Una piaga della storia una vera strage
C’è chi ancora coltiva in cuore l’odio
Non bastano le parole per descrivere quest’orrore
Né un video né una musica né un quadro
Almeno ci fosse rispetto per le donne
che tanto hanno sofferto in silenzio

Ora va tutto bene, grazie. Ma chi renderà giustizia
alle donne morte a Ravensbrück?
Nessuno può farlo. Tranne chi, come noi,
tiene acceso ogni giorno il loro ricordo.

RITORNELLO
every day the memories come back for me
and when I sleep the pain is present
but I am what they are and i don’t care
my soul no one can take it
every day the memories come back for me
and when I sleep the pain is present
but I am what they are and i don’t care
my soul no one can take it.

ChriStyle

Articoli correlati

Lascia un commento